Pavimenti in stile Hollywoodiano: ecco i più famosi del cinema

 Gardenia Orchidea_pavimenti in stile hollywoodiano - Copia2.jpg

La scenografia rappresenta uno degli elementi chiave di qualunque pellicola cinematografica o serie TV. Tipicamente, le ambientazioni dei nostri film o telefilm preferiti ci aiutano a identificare immediatamente la narrativa, i personaggi o specifiche scene di culto. L’utilizzo sapiente di colori, linee, luci, complementi e inquadrature può essere in qualche modo paragonato alle scelte di stile di un costumista, che con il suo lavoro connota i personaggi di una specifica aura, in linea con la loro personalità e i loro obiettivi narrativi.

Non dovrebbe quindi meravigliare scoprire che alcuni pavimenti sono entrati nella memoria collettiva proprio grazie alla loro presenza all’interno di una pellicola cinematografica. Esattamente come accade per gli abiti, le acconciature o i gioielli, anch’essi trovano collocazione in un memo mentale che ci permette di identificare immediatamente la loro provenienza, e a trasformare un semplice lungometraggio una produzione di culto.

Oltre a questo, i film e le serie TV sono sempre terreno fertile per chi fa dell’interior design il proprio lavoro: osservare con attenzione le scenografie e le ambientazioni permette infatti di individuare eccezionali accostamenti, idee geniali in termini di arredi, trend attuali e future tendenze.

Ma quali sono i pavimenti più famosi comparsi sui nostri schermi nel corso degli anni? Dal pavimento psichedelico bianco e nero della Loggia Nera di Twin Peaks sino ai marmi della sala da ballo del disneyano La Bella e la Bestia, gli esempi sono moltissimi e vi basterà fare mente locale per ricordarne altri.

 

Come scegliere i pavimenti di casa tua in base ai materiali

 

Nel frattempo, ecco quelli che secondo noi sono i più significativi.

  • La Febbre del Sabato Sera: forse in assoluto la pellicola più nota per l’importanza, a livello narrativo, dei suoi pavimenti. Dopotutto è proprio nella discoteca che John Travolta dimostra ai presenti e agli spettatori che la musica non muore mai. Questo pavimento incarna quasi un personaggio a sé stante, e ha rappresentato il trampolino di lancio per la carriera di un attore considerato tra i migliori della sua generazione.

  • Il Mago di Oz: celebre in questa pellicola è la strada di mattoni gialli. Certo, non si tratta propriamente di un pavimento ma rimane comunque un elemento altrettanto iconico, tanto da non poter mancare nella nostra lista. È la strada che guida Dorothy, la protagonista del film, verso la Città di Smeraldo nel suo viaggio verso casa, in Kansas, ed è parte di una delle scene più identificative della pellicola.

  • Big – Da grande: questo bel film degli anni Ottanta, con protagonista un giovane Tom Hanks, porta con sé svariate scene indimenticabili. Una in particolare, tuttavia, è quella che vede protagonista un pavimento-pianoforte che risponde suonando alla pressione dei passi. È in questa scena che il divertimento tra un dodicenne nel corpo di un adulto e l’anziano proprietario di un’azienda di giocattoli si fa davvero palpabile, dando vita ai momenti focali del film.

  • Il Grande Lebowski: in questo flm culto, Drugo ha idee molto chiare sui pavimenti e sui tappeti –sono quell’elemento stilistico in grado di legare tra loro diversi ambienti. La classica commedia dadaista firmata dai fratelli Coen è caratterizzata da tantissimi momenti degni di nota, ma uno in particolare ha per protagonista il tappeto preferito di Drugo, improvvisamente rovinato da un 1. intruso piombato in casa. Comprendiamo appieno l’ira del protagonista, per il quale nulla più di quel tappeto sapeva mettere in luce la bellezza della pavimentazione di legno pregiato!

  • Shining: forse uno dei film horror più terrificanti mai realizzati, nonché una delle più note opere del regista Stanley Kubrick, non vede protagonista solamente una famiglia vittima di un albergo infestato da miriadi di fantasmi. I sinistri corridoi dell’Overlook Hotel, percorsi per l’intera durata della pellicola dal piccolo Danny, in sella al suo triciclo, sono infatti caratterizzati dall’originale design delle piastrelle del pavimento, che richiama gli stili geometrici tipici degli Anni Settanta. Anche la scelta dei colori non è casuale, orientata com’è sui toni del rosso, del marrone e dell’arancio. La tensione, nell’arco di tutto il film, è palpabile e lo studio attento della scenografia ha senz’altro contribuito al fascino sinistro di questa pellicola immortale.

Quali sono altri pavimenti di culto che vi tornano alla mente?

 

Come scegliere i pavimenti di casa tua in base ai materiali

 

 

ULTIMI POSTS

GARDENIA-ORCHIDEA S.P.A.

Via Canaletto, 27
41042 Spezzano di Fiorano
Modena (Italy)

Telefono +39 0536 849611
Fax +39 0536 849856